lunes, 29 de diciembre de 2014

L’antica Aquileia risorge e vince un superpremio (Italia)

Grazie all’utilizzo di gps, bussola ed accelerometri, i resti di una colonna vengono immediatamente riportati al periodo della costruzione di epoca romana di cui sono testimonianza, i mosaici vengono ricostruiti, ed è possibile, muovendosi nel sito, vedere quello che, all’epoca, vedeva l’abitante di Aquileia. L’applicazione è uno strumento turistico ed educativo ma rappresenta anche un progetto di carattere scientifico, come sottolinea il direttore della Fondazione Aquileia, Cristiano Tiussi: «Per la Fondazione, che ha commissionato il progetto, il rigore scientifico delle ricostruzioni e dei filmati era un requisito irrinunciabile. Abbiamo voluto unire quindi la divulgazione all’archeologia, utilizzando strumenti nuovi e stimolanti, in grado di focalizzare l’attenzione dei nostri utenti con un linguaggio contemporaneo».
La produzione della app ha richiesto oltre un anno di lavoro da parte di due team di tecnici specializzati. «Produrre questa app – aggiunge Degrassi – è stato molto emozionante, perché ha risposto non solo all’impegno e alla sfida imprenditoriale, ma anche alla possibilità di tornare alla passione per l’architettura e la storia dell’arte». L’idea e l’impegno per realizzarla sono state ripagate con il riconoscimento all’edizione 2014 del Wsa, il premio dedicato alle migliori app per dispositivi mobile. Dopo una selezione nazionale e mondiale sulle app prodotte in 178 Paesi, “Antica Aquileia 3D” è stata considerata tra le migliori 40 applicazioni al mondo perchè «in grado di cambiare la vita alle persone in maniera semplice, creando effettivo valore».
Grazie all’utilizzo di gps, bussola ed accelerometri, i resti di una colonna vengono immediatamente riportati al periodo della costruzione di epoca romana di cui sono testimonianza, i mosaici vengono ricostruiti, ed è possibile, muovendosi nel sito, vedere quello che, all’epoca, vedeva l’abitante di Aquileia. L’applicazione è uno strumento turistico ed educativo ma rappresenta anche un progetto di carattere scientifico, come sottolinea il direttore della Fondazione Aquileia, Cristiano Tiussi: «Per la Fondazione, che ha commissionato il progetto, il rigore scientifico delle ricostruzioni e dei filmati era un requisito irrinunciabile. Abbiamo voluto unire quindi la divulgazione all’archeologia, utilizzando strumenti nuovi e stimolanti, in grado di focalizzare l’attenzione dei nostri utenti con un linguaggio contemporaneo».
La produzione della app ha richiesto oltre un anno di lavoro da parte di due team di tecnici specializzati. «Produrre questa app – aggiunge Degrassi – è stato molto emozionante, perché ha risposto non solo all’impegno e alla sfida imprenditoriale, ma anche alla possibilità di tornare alla passione per l’architettura e la storia dell’arte». L’idea e l’impegno per realizzarla sono state ripagate con il riconoscimento all’edizione 2014 del Wsa, il premio dedicato alle migliori app per dispositivi mobile. Dopo una selezione nazionale e mondiale sulle app prodotte in 178 Paesi, “Antica Aquileia 3D” è stata considerata tra le migliori 40 applicazioni al mondo perchè «in grado di cambiare la vita alle persone in maniera semplice, creando effettivo valore».
Una camminata per le strade dell’antica Aquileia, virtuale sì, ma estremamente realistica. Tanto da meritarsi un premio come una delle migliori app realizzate al mondo nel 2014. E il Friuli Venezia Giulia è protagonista anche con questa, realizzata dalla Ikon di Staranzano.
Il premio, ideato dal Centro Internazionale per i New Media di Salisburgo, è organizzato annualmente in cooperazione con il Summit Mondiale della Società dell’Informazione delle Nazioni Unite e realizzato in collaborazione con l’Unesco, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale e la Global Alliance for Ict and Development. Il Wsa è un riferimento a livello mondiale nel settore mobile, in grado di intercettare le tendenze, focalizzare i trend e valorizzare i contenuti multimediali prodotti dalle aziende a livello locale, connettendoli con l’innovazione a livello globale.
In un mercato dove il ruolo principale è giocato dai grandi player internazionali, la creatività delle aziende locali viene così premiata e portata all’attenzione e al tavolo di chi guida l’innovazione e il mercato. La cerimonia di premiazione si terrà nell’ambito del Forum annuale Wsa 2015 che si svolgerà ad Abu Dhabi dal 31 gennaio al 2 febbraio prossimi, quando Degrassi presenterà l’app di fronte ai principali protagonisti del settore mobile. Oltre alla app nata in Friuli Venezia Giulia ne verranno premiate altre 39 da tutto il mondo, nei più disparati settori, dalla medicina al turismo, dalla matematica alla chimica, dal calcio alla grande distribuzione.

Il Piccolo: http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2014/12/28/news/l-antica-aquileia-risorge-e-vince-un-superpremio-1.10570148#gallery-slider=1-10566266